I diversi tipi di cartongesso

Prima d’iniziare con una discussione sul cartongesso è necessario descrivere com’è composto. Il gesso, un minerale presente in natura, è composto da solfato di calcio (CaSO4) e acqua (H2O). Indicato anche solfato di calcio idrato come (CaSO4.2H2O), il gesso viene estratto da giacimenti formati da antichi fondali marini come materia prima per la produzione nei siti industriali, e usato anche in agricoltura. Oltre l’80% del gesso estratto viene utilizzato in prodotti manufatti come il cartongesso. Il gesso possiede molte caratteristiche che lo rendono un interessante materiale da costruzione. Il gesso calcinato può essere bagnato per formare una pasta da applicare direttamente sulla superficie di una struttura o che può essere modellato in una forma desiderata; il gesso indurisce dopo l’essiccazione ed è naturalmente resistente al fuoco.

Il gesso di un controsoffitto, spesso usato come rivestimento in foglio di roccia, sostituisce il gesso come materiale principale utilizzato per superfici murali interne per via della facilità della sua installazione. Il cartongesso è costituito da circa il 90% e il 10% di rivestimento di carta e di supporto. È prodotto da una prima calcinazione del gesso, un processo che riscalda il minerale al fine di rimuovere parte dell’acqua (conseguente CaSO4.1 / 2H2O). Lo stucco che si forma viene quindi reidratato miscelandolo con acqua, e la sospensione creata viene stesa su un foglio di carta in continuo movimento e interposto tra l’altro strato di carta. Questo foglio continuo di pannelli di rivestimento viene lasciato indurire per alcuni minuti, tagliato in pannelli e inviato ad un forno per l’asciugatura finale. Viene ritagliato nelle dimensioni richieste, ed è quindi pronto per la spedizione. Il cartongesso è disponibile in differenti tipi e dimensioni per soddisfare le specifiche esigenze di costruzione.

Mentre il cartongesso regolare è appropriato per la maggior parte delle applicazioni, ci sono molti altri tipi che sono più adatti per circostanze particolari.

Naturalmente, non importa quale tipo di muro a secco si utilizza.

Lo stucco, spesso chiamato “fango” o “stucco”, va di pari passo con il cartongesso. È composto da una miscela di calcare, emulsionanti, vari polimeri e acqua. La sua consistenza morbida lo rende facile da applicare, e con la sabbia si fondono per creare una finitura uniforme. Poiché lo stucco richiede in genere circa un giorno ad asciugare, sono disponibili anche miscele di impostazione rapida. Il cartongesso di fango viene generalmente applicato su fibra a maglia o nastro di carta del muro a secco. Questo nastro è utilizzato per chiudere e serrare cuciture che si verificano quando i fogli di cartongesso sono appesi fianco a fianco.

You may also like