Pannelli in cartongesso vs OSB

Pannelli in cartongesso vs OSB: quali sono le differenze?

Il termine “muro a secco” riassume tutti i pannelli da costruzione che sono adatti per la lavorazione a secco (che è avvitato su un telaio di supporto anziché murato con malta).

Il cartongesso è forse il muro a secco più noto, ma esiste anche il pannello in fibra di gesso, il pannello di cemento, pannelli leggeri e pannelli compositi in legno.
Comune a tutti: il materiale da costruzione (intonaco, cemento, legno) costituisce il cuore del pannello di costruzione.

Gli additivi (come le fibre di plastica per rinforzo) o le laminazioni in cartone o in rete di plastica conferiscono stabilità alle schede di espansione.

Poiché i piatti hanno uno spessore del materiale relativamente basso, hanno anche un peso ridotto, ideale per il retrofitting e l’uso sotto il soffitto.
I bordi di cemento sono particolarmente adatti per l’uso in ambienti umidi, adatti anche da appendere a un soffitto.

Le schede di espansione basate su cemento sono anche il metodo di scelta se, oltre ai requisiti funzionali, devono essere presi in considerazione anche gli aspetti della protezione antincendio.

Cartongesso vs Pannelli in fibra di vetro

I pannelli di gesso sono adatti a coprire i tetti inclinati, i lati o i tamburi e rispetto ai truciolari, regolano meglio il contenuto di umidità dell’aria nella stanza.
Nel caso delle lastre di gesso, tuttavia, il degassamento della formaldeide deve essere sempre escluso, le etichette di noti produttori di solito indicano che sono contenuti soltanto ingredienti innocui.

I pannelli di gesso massiccio, la cui resistenza li rende più adatti alla costruzione di partizioni spesse, sono costituiti esclusivamente da gesso.
I cartongessi diffusi, che sono adatti per il rivestimento, tuttavia, hanno solo un nucleo di gesso e la loro rigidità deriva dal fatto che il nucleo di gesso è coperto con cartone speciale.

I pannelli in fibra di gesso sono adatti anche per rivestimenti di pareti e soffitti perchè sono costituiti da una miscela di gesso e cellulosa o fibre di vetro.
Le fibre, dopo essere state schiacciate ad alta pressione, conferiscono alle piastre la necessaria stabilità, non è necessario un rivestimento in cartone.

I pannelli in fibra di gesso sono fondamentalmente adatti per ambienti umidi e sono ignifughi, unica accortezza stà nell’assicurarsi che essi contengano fibre di cellulosa e non fibre di vetro, perché quest’ultime pssono disperdersi nell’aria della stanza e inquinare le vie respiratorie.

Caratteristiche del cartongesso

Hanno un nucleo di intonaco puro, per cui le superfici e i bordi longitudinali sono coperti con un cartone speciale saldamente aderente.
Le lastre di gesso sono disponibili in spessori da 9 a 12,5 mm e pesano tra 7,5 e 10 kg/m2.

Ci sono una varietà di formati di lastre con diversa formazione del bordo, i pannelli in cartongesso impregnato in modo speciale sono riconoscibili dal colore verde e il montaggio a parete è fatto con viti o morsetti per cartongesso.

Sono adatti come rivestimenti per pareti e soffitti su sottostrutture in legno o metallo e allo stesso tempo è possibile creare rivestimenti a conchiglia o un intonaco a secco usando un legante contenente gesso.

Per le stanze umide è disponibile un pannello in cartongesso impregnato ed altri pannelli speciali soddisfano anche i requisiti di incendio o isolamento acustico.

cartongesso

Caratteristiche dei pannelli in fibra (GIPS)

I piatti sono fatti di gesso e fibre di carta, le due materie prime vengono miscelate con acqua e schiacciate ad alta pressione, essiccate e impregnate con un agente idrorepellente.

Di solito sono disponibili in uno spessore di 12,5 mm con un peso da 12,5 a 15 kg/m2.

È disponibile una varietà di formati di lastre con diversa formazione del bordo, il montaggio a parete è fatto con viti o morsetti per cartongesso.

Le piastre sono adatte anche in ambienti umidi come rivestimenti per pareti e soffitti su sottostrutture in legno o metallo ed allo stesso tempo, è possibile creare rivestimenti a conchiglia o un intonaco a secco usando un legante contenente gesso.

Altri pannelli speciali sono disponibili per aumentare i requisiti di isolamento acustico o antincendio.

Pannelli in fibra di legno

I trucioli di legno e la colla vengono pressati sui pannelli, alcuni sono impregnati per renderli idrorepellenti e disponibili in diversi spessori da 8 a 38 mm, i pannelli di 12 mm di spessore pesano tra 8,5 e 9 kg/m2.

Vengono utilizzati come rivestimenti per pareti e soffitti, le sottostrutture in legno o metallo sono adatte per le lastre, ma sono utilizzate più come elementi di massetti a secco.

I pannelli incollati sono normalmente infiammabili (B2) e non sono adatti per ambienti umidi, i pannelli cementati sono ignifughi (B1) o non combustibili (A2) e possono essere utilizzati anche in ambienti umidi come scheda di espansione.

Pannelli di argilla

Caratterizzati da un’impasto di argilla strutturale o argilla, canna e iuta, nonché aggregati vegetali e minerali.

Adatti per pareti leggere, le tavole devono essere lavorate con uno spessore di almeno 20 mm, queste hanno un peso di circa 13 kg/m2, le lastre da 25 mm circa 17 kg/m2.
Il montaggio avviene con viti per legno zincate, con sporgenze e con rondelle aggiuntive.

Sono adatti principalmente come rivestimenti per soffitti senza pareti, piazze o profili metallici sono raccomandati come sottostrutture. Allo stesso modo, è possibile creare rivestimenti a conchiglia o un intonaco a secco usando un legante limoso, i pannelli di argilla non sono adatti per l’uso in ambienti umidi.

Nei locali umidi, i pannelli in cartongesso sono generalmente più adatti dei pannelli in legno, poiché non reagiscono in modo sensibile all’umidità ma nel bagno è necessario installare il pannello di cartongesso impregnato di verde o di fibra di gesso.

I pannelli in cartongesso hanno un nucleo in gesso e una laminazione in cartone e la lavorazione è semplice (raschiatura con taglierina, i giunti sono semplicemente riempiti.
I pannelli in fibra di gesso contengono inoltre fibre di rinforzo per rinforzare la tavola.

Se utilizzato in bagno, in particolare nella zona del pavimento, è preferibile ricorrere a pannelli di cemento incollati.

Consiglio pratico:

Dietro la doccia, la vasca e gli scarichi a pavimento, le superfici devono essere protette dalla penetrazione mediante speciali rivestimenti di tenuta e manicotti di tenuta prima della piastrellatura.

Continue Reading

Cartongesso: la soluzione polifunzionale

cartongesso

Il cartongesso è uno dei materiali da costruzione attualmente maggiormente utilizzato nell’edilizia leggera, data la sua rapidità di applicazione e le sue particolari doti termoacustiche; si vende a pannelli e in diverse misure e solitamente una parete in cartongesso può avere uno spessore di circa 8-190cm.

Oggi gli ambienti della casa sono sempre più concepiti in modalità open space ed uno dei primi problemi che in questo caso ci si trova a fronteggiare, riguarda proprio la divisione seppur parziale dell’angolo cottura dal soggiorno.

Ci vengono incontro più soluzioni possibili e tra queste quella a mio parere più comoda, semplice ed esteticamente adatta alle diverse tipologie di ambiente, è sicuramente l’ideazione di una struttura in cartongesso.

E’ questa a consentire una suddivisione di soggiorno, cucina e ingresso dell’abitazione, pur restando una reciproca comunicazione tra queste importanti arre funzionali.

Un’ambiente così suddiviso, non perde la propria polifunzionalità, coesistendo in questo sia la zona pranzo e salotto, sia l’angolo cottura.

Le pareti in cartongesso sono valide soluzioni pratiche ma anche decorative, che risolvono problemi di spazio, ricavano nicchie e talvolta rappresentano una valida alternativa ai mobili.

In cucina vengono adoperate anche per ricavare mensole, o pratici divisori ed in camera da letto per schermare una cabina armadio senza per questo togliere la luce ed in soggiorno come parete attrezzata, come spazi ricavato per la collocazione di un camino o semplicemente per allargare un pilastro o ricoprire una colonna rovinata.

Nel caso di scarsa luminosità, si potrebbe scegliere di giocare sull’effetto colonna, con micropareti di cartongesso allineate, che vanno a definire una sottile linea di confine tra soggiorno e cucina.

E’ una soluzione economica, moderna e soprattutto versatile, in quanto la possibilità di poter dare a questo materiale qualsiasi forma, lo rende ideale per arredamenti originali.

Le pareti in cartongesso consentono inoltre di ricavare lo spazio atto ad appendere quadri, schermo tv o qualsiasi altra cosa a vostro piacimento, realizzando delle micronicchie, come una sorta di mobile libreria.

Cartongesso a Roma

Continue Reading

L’utilizzo delle mensole in Cartongesso

mensole cartongesso

Il cartongesso non è un materiale che viene utilizzato solamente per fare controsoffitti, ma anche può essere anche un’alternativa ad alcuni mobili, come per esempio la libreria o alcune mensole.

Le mensole in cartongesso risultano essere infatti buon metodo per evitare l’acquisto di mobili che potrebbero risultare ingombranti e anti estetici nella zona living della vostra casa.

Un esempio molto utile potrebbe essere essere l’inserimento di mensole in cartongesso all’interno di una libreria intraparete.
La nostra idea infatti è quella di realizzare un vero e proprio albero di mensole che sia perpendicolare alla vostra parete in muratura.

Praticamente le mensole saranno fissate a due setti:

  • Il primo setto vicino alla porta d’ingresso;
  • Il secondo setto invece dalla parte della zona living.

In questo modo la struttura sarà ben salda e potrà sostenere i pesi a cui sarà soggetta.

Le mensole orizzontali che andrete a creare, o meglio, che si occuperà di creare un esperto di pronto intervento a Roma, avranno una lunghezza differente che permetterà di creare un’atmosfera accogliente e piena di luce.

Le mensole quindi, una volta create, diverranno la base d’appoggio per tutti i vostri oggetti, a partire dai libri, per passare a sculture, fotografie ed altri oggetti.
Inoltre consigliamo l’introduzione di faretti al di sopra della struttura, in modo tale che si riesca ad ottenere una buona illuminazione sulla libreria anche durante le ore pomeridiane quando la luce del sole scarseggerà.

Vogliamo consigliarvi altre piccole strutture che potrebbero essere inserite nella sezione del vostro ingresso.

Infatti, sarà possibile corredare delle ulteriori piccole strutture in cartongesso funzionali, come per esempio il portaombrelli, la cappelliera, un appendiabiti o una semplice fioriera.

Forse vi sembrerà strano che anche una fioriera possa essere realizzata in cartongesso, eppure è così.

Il nostro consiglio è inserire questa struttura dalla parte opposta della libreria in cartongesso, ma sempre intorno all’ingresso in modo tale che, per esempio, una volta che un’ospite o voi stessi.

http://www.cartongessoaroma.it/

Continue Reading

I vantaggi del controsoffitto in cartongesso

controsoffitto in cartongesso

La controsoffittatura è molto importante per la nostra casa se realizzata nella maniera adeguata, perché può avere innumerevoli pregi che oggi cercheremo di elencarvi.
A differenza della muratura, il cartongesso è molto più semplice da lavorare per trasformarlo in qualsiasi forma vogliate e soddisfare tutte le più strane richieste, una tra queste infatti, è il soffitto scalinato.

Il soffitto scalinato infatti, non dava molta fiducia perché possedeva una forma diversa da quello che siamo abituati a vedere, invee con il tempo si è affermato sempre più, portandolo ad essere una delle migliori scelte per la nostra casa.

Anche il soffitto con delle curve, sempre in cartongesso, può rappresentare una buona alternativa al classico controsoffitto in cartongesso perché, una forma sinuosa può generano molta più armonia nella nostra casa.

Il cartongesso è un materiale che oramai sostituisce in tutto e per tutto il classico muro, perché:

  • Velocizza le tempistiche;
  • E’ un materiale di semplice utilizzo;
  • E’ molto duraturo;
  • La spesa è molto ridotta.

Ma tutti questi pregi da dove derivano? Ma soprattutto, perché è così facile da utilizzare?

Perché il cartongesso è formato da uno strato gessato che si trova fra due singoli fogli di un cartone particolarmente resistente ed ecologico, per cui un controsoffitto in cartongesso sarà la scelta migliore che possiate fare per la vostra casa.

Ce ne sono di diverse tipologie, ve ne elenchiamo alcune:

  • Standard;
  • Extra Flessibile;
  • Ignifugo;
  • Idrofugo;
  • Fonoisolante;

E molti altri…

Un controsoffitto in cartongesso è molto importante che sia isolato termicamente perché, l’Italia, al giorno d’oggi è un paese che è soggetto a sbalzi di temperature improvvisi, dal freddo al caldo, con escursioni anche di 9 gradi dalla mattina al pomeriggio, che potrebbero gravare molto sulla salute.

Che sia delle dispersioni di calore è normale, ma se vogliamo fare di questa caratteristica un vanto, dobbiamo cercare di non disperdere il tutto all’esterno. Per fare ciò, ci sono proprio gli isolanti termici che permettono di opporre resistenza a questi sbalzi di temperature tra l’interno e l’esterno della nostra casa, detti anche scambi termici.

Da non tralasciare mai però, è anche la questione delle insonorizzazioni, perché i rumori dell’esterno percepiti all’interno della nostra quiete casalinga potrebbero risultare piuttosto fastidiosi.

Realizzare un controsoffitto in cartongesso a Roma che sia insonorizzato è semplice, occorre semplicemente riempire con della lana minerale, di legno o altri materiali, l’intercapedine tra soffitto primario e controsoffitto.

Continue Reading

Controsoffitti in cartongesso con led e musica bluetooth

controsoffitto

Realizzare un controsoffitto in cartongesso risulta essere una valida scelta per stare al passo con i tempi, oltre che a rivelarsi pratica e funzionale, integrando le ultime tecnologie ad oggi utilizzate.

Un esempio?

Un controsoffitto in cartongesso comprensivo di lampadine led, che mediante tecnologia bluetooth, si trasformano in veri e propri diffusori musicali.

Basterà collegare le lampadine led al proprio smartphone.

Il cartongesso è attualmente il materiale maggiormente adoperato nella ristrutturazione di appartamenti e immobili commerciali; ottimo nell’edilizia leggera essendo di facile applicazione e possedendo specifici elementi termoacustici, che lo rendono oggi fortemente richiesto.

Questo varia in base allo spessore e grandezza delle proprietà specifiche: cartongesso ignifugo, cartongesso idrorepellente, ecc…

Il cartongesso viene adoperato per pareti, librerie ed elementi di arredo, finti pilastri e controsoffitti.

Vediamo nello specifico uno degli elementi che attualmente vanno a caratterizzare i nostri ambienti interni: il controsoffitto, un rivestimento spesso orizzontale, che tende a ridimensionare gli ambienti mediante un abbassamento del soffitto oppure per semplice scelta decorativa, molto usato per nascondere gli impianti.

Questo viene personalizzato a seconda dei propri gusti.

Si può optare per altezze differenti che vadano in qualche modo a rompere la monotonia di un ambiente grande o piccolo che sia, creando ad esempio giochi di luce attraverso un’illuminazione a led, grazie alla qualche la nostra bolletta sarà più leggera.

Precedentemente il controsoffitto veniva usato per l’applicazione di faretti, con luminosità regolabile seppur onerosa in termini energetici.

Problema oggi risolto grazie alla tecnologia led economici.

Un’idea rivoluzionaria è stata quella di poter ascoltare la nostra musica preferita attraverso una lampada led installata sul nostro controsoffitto e tutto ciò è reso possibile grazie ad uno smartphone e il bluetooth.

I prezzi in commercio partono 19 euro fino ad arrivare ad 80 euro, prezzo che varia in base a specifiche caratteristiche richieste.

http://www.contro-soffitti.it/

Continue Reading

La parete-libreria in cartongesso

libreria cartongesso

Perché scegliere pareti in cartongesso?

– Ottime prestazioni di isolamento termico;
– Buon livello di isolamento acustico;
– Migliorano il confort abitativo;
– Garantiscono elevate qualità estetiche;
– Assicurano una maggior resistenza meccanica;
– Offrono un’adeguata resistenza all’umidità.

Ipotizziamo di progettare una controparete attrezzata in cartongesso, comprensiva di elementi pieni e vuoti, dai quali ricavare lo spazio per tv, libri ed oggetti vari. Una struttura funzionale che non lasci nulla al caso.

Una parte dell’ambiente sarà dedicato esclusivamente al relax, grazie a divani dalle sedute ampie e confortevoli, accanto a questo prevediamo la disposizione di un tavolino centrale.

La struttura in cartongesso da noi pensato crea un effetto nicchia e si rivela oltre che funzionale, un ottimo elemento d’arredo.

Occupa spazi limitati, alternando vani con ripiani ed elementi contenitori.
Nella parte alta potremmo incassare faretti a led per ricreare un’illuminazione con un’ottima resa estetica.
E’ vero che le luci a led hanno un costo superiore, ma è anche vero che il costo viene ammortizzato dalla loro durata, superiore rispetto ad una luce fluorescente.
Prevediamo inoltre mensole in legno laterali, all’interno delle quali disporre libri o oggetti di vario genere.
La nicchia centrale della nostra struttura, potrebbe prevedere l’inserimento dello schermo tv.

Il cartongesso è un materiale che possiamo forare senza difficoltà e per questo sarà semplice l’inserimento delle canaline all’interno delle quali far scorrere i cavi elettrici, in modo tale che rimangano a vista solo le prese per le spine degli apparecchi.

Le pareti divisorie in cartongesso rappresentano una soluzione pratica e veloce per dividere gli spazi.

Continue Reading

Allineamento delle pareti con il cartongesso: la specificità del lavoro

cartongesso

Il Cartongesso è un materiale unico, ed è spesso utilizzato nelle abitazioni della città di Roma per la stupefacente bellezza del design, ma è anche per le sue proprietà di allineare le superfici complesse di case degli anni 50/60. Ha la proprietà di isolamento termico, assorbe l’umidità, è caratterizzato da proprietà quali resistenza al fuoco e durevolezza.

Va rilevato che l’allineamento delle pareti in cartongesso è molto più veloce rispetto ad altri metodi di rifinitura.
Durante l’utilizzo si dovrebbe tener conto di alcune delle caratteristiche tipiche di questo materiale.

I metodi di allineamento “a secco”:

  • Allineamento con il telaio;
  • Specificità del fissaggio del cartongesso senza cornice;
  • La fase finale – stucco.

Le moderne tecnologie del cartongesso consentono di produrre un materiale resistente al fuoco, all’acqua, consentono l’allineamento delle pareti e anche in aree caratterizzate da elevata umidità.

Il cartongesso è resistente all’umidità

Il processo di allineamento delle pareti del muro a secco è la soluzione migliore per le pareti con grandi irregolarità e dislivelli. Inoltre, questo metodo è spesso utilizzato per l’organizzazione di superfici completamente piatte destinate ad essere rifinite con carta da parati o pittura.

I metodi di allineamento “a secco”

In pratica, vengono utilizzati due metodi per l’allineamento delle pareti di cartongesso con le mani:

  • L’installazione di fogli di cartongesso nel telaio, assemblato da travi in ​​legno o profili metallici;
  • L’installazione del muro a secco con un adesivo speciale.

Ciascuno dei metodi ha le proprie caratteristiche che determinano la scelta di un particolare tipo di impianto in una particolare situazione.

Caratteristiche di allineamento con la cornice

Se ci sono significative irregolarità sulla superficie della parete è meglio usare l’allineamento con uno scheletro. Può essere assemblato da profili metallici o travi in ​​legno.

La struttura in legno ha diversi svantaggi: una tecnologia più complessa per quanto riguarda il processo di fabbricazione e la necessità di utilizzare il legno essiccato bene. Per ambienti umidi è obbligatorio utilizzare telaio in profili metallici.

L’utilizzo di profilati metallici è utilizzato per effettuare l’allineamento delle pareti di qualsiasi forma o disegno. Il primo passo è quello di fissare il profilo sulla superficie del soffitto, quindi utilizzate il profilo di piombo attaccato al pavimento. I profili guida sono inseriti in cremagliera ad intervalli di 0,4-0,6m.

Fissaggio del cartongesso senza cornice

Per questo metodo, viene utilizzata una speciale di colla gesso o cemento. Prima è necessario preparare accuratamente la superficie, ed è quindi necessario pulirlo dai residui di sostanze che impediscono la proprietà di incollaggio.

Una condizione importante per un montaggio sicuro è applicare la colla ad un foglio di cartongesso.

Importante! L’allineamento delle pareti in cartongesso senza telaio può essere utilizzato solo in locali con un soffitto che non supera l’altezza dei pannelli di gesso nonché la realizzazione di giunti orizzontali.

La fase finale – stucco

Dopo l’installazione dei fogli di cartongesso rilevare la presenza di difetti.

Continue Reading

I diversi tipi di cartongesso

Prima d’iniziare con una discussione sul cartongesso è necessario descrivere com’è composto. Il gesso, un minerale presente in natura, è composto da solfato di calcio (CaSO4) e acqua (H2O). Indicato anche solfato di calcio idrato come (CaSO4.2H2O), il gesso viene estratto da giacimenti formati da antichi fondali marini come materia prima per la produzione nei siti industriali, e usato anche in agricoltura. Oltre l’80% del gesso estratto viene utilizzato in prodotti manufatti come il cartongesso. Il gesso possiede molte caratteristiche che lo rendono un interessante materiale da costruzione. Il gesso calcinato può essere bagnato per formare una pasta da applicare direttamente sulla superficie di una struttura o che può essere modellato in una forma desiderata; il gesso indurisce dopo l’essiccazione ed è naturalmente resistente al fuoco.

Il gesso di un controsoffitto, spesso usato come rivestimento in foglio di roccia, sostituisce il gesso come materiale principale utilizzato per superfici murali interne per via della facilità della sua installazione. Il cartongesso è costituito da circa il 90% e il 10% di rivestimento di carta e di supporto. È prodotto da una prima calcinazione del gesso, un processo che riscalda il minerale al fine di rimuovere parte dell’acqua (conseguente CaSO4.1 / 2H2O). Lo stucco che si forma viene quindi reidratato miscelandolo con acqua, e la sospensione creata viene stesa su un foglio di carta in continuo movimento e interposto tra l’altro strato di carta. Questo foglio continuo di pannelli di rivestimento viene lasciato indurire per alcuni minuti, tagliato in pannelli e inviato ad un forno per l’asciugatura finale. Viene ritagliato nelle dimensioni richieste, ed è quindi pronto per la spedizione. Il cartongesso è disponibile in differenti tipi e dimensioni per soddisfare le specifiche esigenze di costruzione.

Mentre il cartongesso regolare è appropriato per la maggior parte delle applicazioni, ci sono molti altri tipi che sono più adatti per circostanze particolari.

Naturalmente, non importa quale tipo di muro a secco si utilizza.

Lo stucco, spesso chiamato “fango” o “stucco”, va di pari passo con il cartongesso. È composto da una miscela di calcare, emulsionanti, vari polimeri e acqua. La sua consistenza morbida lo rende facile da applicare, e con la sabbia si fondono per creare una finitura uniforme. Poiché lo stucco richiede in genere circa un giorno ad asciugare, sono disponibili anche miscele di impostazione rapida. Il cartongesso di fango viene generalmente applicato su fibra a maglia o nastro di carta del muro a secco. Questo nastro è utilizzato per chiudere e serrare cuciture che si verificano quando i fogli di cartongesso sono appesi fianco a fianco.

Continue Reading

Idee per la ristrutturazione di un Residence moderno a Roma

Idee per la ristrutturazione di un Residence moderno a Roma

Il team creativo di oggi ha completato il progetto situato in un comprensorio in una zona residenziale di Roma, la Camilluccia.

Gli architetti hanno finalizzato il progetto con il sollevare la casa ad un solo piano verso il “cielo” al fine di creare uno spazio intimo per i proprietari ed i loro ospiti. Infine, l’edificio è stato sollevato a circa 3 metri dal suolo per creare un parcheggio sul nuovo lotto disponibile.

La struttura così perfezionata permette ora una diversa distribuzione degli interni e lo spazio esterno. La luce naturale e il vento possono invadere i due vuoti creati, mentre l’interno è diviso ora in tre spazi.

La divisione chiara funziona reciprocamente ed è intermedia, al fine di unificare l’intera architettura.

Lo spazio anteriore è ora caratterizzato dalla massima trasparenza. Le grandi porte scorrevoli proteggono il laboratorio della casa dalla strada vivace. La zona centrale è occupata dal soggiorno mentre l’ultima parte della casa ora ospita la zona notte. Tra i tre spazi principali è stato progettato un vuoto.

I due vuoti permettono alle persone di continuare a camminare, senza avere alcun ostacolo nella casa. La luce naturale passa attraverso i 26 fori che sono allineati in una forma a croce. La luce in movimento che penetra l’edificio ristrutturato è proiettata in forma di cerchio, creando un gioco di luci sulle pareti della casa.

L’area officina e la zona giorno sono separate, ma allo stesso c’è un leggero connessione tra di loro. E ‘il luogo in cui esiste sia la tranquilla che la frenesia nello stesso luogo.

Il primo piano comprende 77 m2, tre camere da letto, un bagno e un grande spogliatoio con un ulteriore bagno. La mansarda è impressionante attraverso le sue grandi dimensioni (166 m2) adibita a zona di intrattenimento. Diversi videogiochi console e uno spazio multimediale garantiscono il divertimento per gli ospiti dei proprietari.

I proprietari della casa, una famiglia russa con tre bambini, ma che vivono a Roma da 20 anni, volevano ristrutturare l’ex design degli interni per adattarlo ai propri gusti.
La collaborazione intensa ha realizzato una ristrutturazione moderna che comprendeva una parte importante delle funzionalità che soddisfa le necessità, i gusti e le abitudini della famiglia.

Continue Reading

Realizzare un lavoro in cartongesso a Roma

Cartongesso a Roma

Quando si installa un controsoffitto negli appartamenti nel comune di Roma dovete tenere a mente alcune cose assolutamente da evitare.
Innanzitutto esiste un modo di pensare sbagliato dei romani, ovvero che un soffitto o una parete è solo per la decorazione della casa e molti proprietari di casa del comune di Roma non si preoccupano per la sicurezza.
L’uso del cartongesso non solo copre, ma è anche di isolamento, impermeabilizzazione al fuoco, assorbimento acustico e impedisce il formarsi dell’umidità.

La scelta del cartongesso al costo più basso

Questa decisione deriva dal pensiero che vi è un solo materiale nel mercato quindi il costo meno installazione ci da il risparmio. Ma in realtà, c’è un sacco di materiale per il controsoffitto di 1 ° grado e 2 ° grado, da marchi famosi a quelli non di marca.
Per esempio: il cartongesso ha molti spessori: 9mm, 12,7 millimetri, mentre per il calcio silicato troviamo spessori di 3.5mm, 4mm, 6mm, ecc…

“Ecco perché è necessario controllare le etichette del prodotto e l’origine prima di installarlo”.

“La longevità del cartongesso dipende dallo spessore del rivestimento”.

Progettare il sistema a soffitto per la luce è il primo passo nella progettazione della tua casa a Roma. Molti proprietari di casa non si preoccupano della progettazione del sistema a soffitto, spesso attendono il completamento della casa per imparare a proprie spese che dovevano considerarlo prima.
Il soffitto svolge un ruolo importante nella formazione degli spazi di casa, estetica così come nello stile, per esempio:
Una casa classica del centro di Roma ha una cupola di lusso, gli spazio per i bambini hanno un soffitto o una parete con molte forme creative semplici, ….
Questo è il motivo per cui si dovrebbe prestare attenzione al modello di soffitto per la vostra casa di Roma, e in fase di ristrutturazione o costruzione deve essere la prima cosa da considerare insieme al cartongesso da utilizzare.

Cura circa la durabilità del materiale.

E’ molto pericoloso un sistema soffitto costituito da materiale di bassa qualità (porta facilmente alla rottura, collasso, … dopo l’uso). Così trovare prodotti di cartongesso realizzati da un produttore di fiducia con una buona politica di garanzia è una delle cosa più importante da fare.
Il modo migliore è che il proprietario della casa deve conoscere esattamente il materiali che gli installatori e gli appaltatori useranno.

In questo contesto il cartongesso ha un ruolo fondamentale.

Attenzione alle competenze degli installatori

Non è vero che tutti gli installazione di cartongesso sono capaci, quindi, il consiglio che vi diamo è seguire con attenzione i lavori o farvi seguire da un supervisore in modo da ottenere il risultato migliore per la ristrutturazione o la costruzione della vostra casa a Roma.

Continue Reading